Il Laos. Guida Turistica

Il Laos. Guida Turistica

Latitudine 18° 12′ 0″ N – longitudine 104° 0′ 0″ E

Il Laos si trova nel cuore della penisola dell'Indocina nel sud-est asiatico, di cui è l'unico paese senza accesso diretto al mare, e si estende da nord a sud per 1.700 chilometri.
 
Cartina Geografica Mappa del Laos
 
“Un azzeccato aforisma coniato dai francesi, recita che i vietnamiti piantano il riso, i cambogiani lo osservano crescere e i laotiani lo ascoltano. C’è molto di vero: il Laos non è solo una terra di grande bellezza naturalistica, di stupa e pagode, arricchito da una splendida città quale Louang Prabang, tutelata dall’Unesco, il Laos è soprattutto una terra di grande pace e serenità, dove i ritmi sono distesi, la disponibilità delle persone è massima, le auto non superano i 30-40 km/h, la gentilezza e il rispetto nei confronti dell’altro sono connaturati al modus vivendi dei laotiani, sicuramente influenzati da una religiosità non bigotta né esibita, ma profonda.”
 
Tutti i tipi di viaggiatori hanno un motivo per andare in estasi per il Laos. I cercatori di avventura possono perdersi nelle grotte fluviali sotterranee, nelle zipline della giungla o durante l'arrampicata su Karsts. Gli amanti della natura possono fare una passeggiata sul lato selvaggio e avvistare animali esotici come gibboni o elefanti. Gli amanti della cultura possono esplorare antichi templi e immergersi nella vita spirituale. I buongustai possono ravvivare la propria vita con un corso di cucina laotiana. E se tutto ciò sembra faticoso, ci si può concedere una sessione di spa o una lezione di yoga. Il Laos ha qualcosa per tutti.
 
 
 

Territorio e confini del Laos

La Repubblica Democratica Popolare del Laos si trova nel centro dell'Indocina, condividendo i confini con la Cina a nord, il Myanmar a nord-ovest, la Tailandia a ovest, la Cambogia a sud e il Vietnam ad est.
 
Vang Vien paesaggi sulle risaie del Laos
 
“Il Laos comprende una superficie totale di 236.800 chilometri quadrati con il terreno caratterizzato da tre regioni distinte: montagne , altipiani e pianure.”
 
Le montagne e gli altipiani costituiscono i tre quarti della superficie totale, raggiungono un'altezza media di 1.500 metri e dominano la regione settentrionale. Le tre montagne più alte del paese si trovano tutte nell'altopiano di Phou Ane nella provincia di Xieng Khouang. Sono Phou Bia a 2.820 metri, Phou Xao a 2.690 metri e Phou Xamxum a 2.620 metri. 
 
La regione di pianura è costituita da aree pianeggianti distribuite lungo il fiume Mekong. La pianura Vientiane, la più grande, è situata sulla parte inferiore del fiume Nam Ngum. La pianura di Savannakhet si trova sulla parte inferiore del fiume Sebangfai e del fiume Sebanghieng, mentre la pianura Champasack sul fiume Mekong si estende fino ai confini tailandese e cambogiano. Benedette da un terreno ricco e fertile, queste pianure rappresentano un quarto della superficie totale nota come granai del paese.
 
Il fiume Mekong è la principale caratteristica geografica a ovest e, in effetti, costituisce un confine naturale con la Thailandia in alcune aree. Il Mekong attraversa quasi 1.900 chilometri di territorio laotiano e condiziona gran parte dello stile di vita della gente del Laos. Nel sud il Mekong raggiunge una larghezza di 20 chilometri, creando un'area con migliaia di isole. 
 

 

Ordinamento politico e bandiera del Laos

Il Laos è una Repubblica Democratica Popolare e la sua capitale è Vientiane. Pur coprendo attualmente una superficie di oltre 236.000 chilometri quadrati, ha una popolazione di poco meno di 7 milioni.
La bandiera del Laos è stata adottata il 2 dicembre 1975. Consiste di tre bande orizzontali, delle quali quella centrale blu ha un'altezza doppia rispetto alle bande rosse poste in alto e in basso.
 
“Il rosso della bandiera rappresenta il sangue versato nella lotta per l'indipendenza. Il blu simboleggia il benessere della nazione. Il disco bianco rappresenta la luna sul fiume Mekong, così come l'unità della nazione sotto il governo comunista. La bandiera fu sventolata per la prima volta nel 1945 durante la breve indipendenza del paese sotto la guida del Lao Issara.”


 

Popolazione e cultura del Laos

Hmong Tribù Laos del Nord
 
“Per un paese così piccolo, il Laos è sorprendentemente diversificato in termini di popolazione. È infatti uno dei paesi più etnicamente vari della regione, riflettendo la sua posizione geografica come crocevia dell'Asia.”
 
Le persone robuste di Hmong vivono nelle comunità montane del nord, le remote comunità Kahu e Alak del sud hanno gli ultimi tatuaggi facciali originali e i villaggi Katang del Laos centrale dormono con gli spiriti della foresta. Che si tratti delle città delle pianure o dei remoti villaggi degli altopiani, il Laos offre alcune meravigliose opportunità di interazione locale.
 
Il Lao di pianura (Lao Loum) comprende circa il settanta percento della popolazione, il Lao di bassa montagna (Lao Theung) e il Lao di montagna (Lao Soung) rispettivamente circa il venti e il dieci percento; all'interno di queste ampie definizioni, ci sono molte divisioni più piccole. Cinese e vietnamita sono una porzione piccola ma economicamente significativa della popolazione.
La lingua nazionale è il laotiano, una lingua tonale strettamente correlata al tailandese, sebbene le  scritture differiscano. L'inglese è la lingua europea più parlata.
 
Il paese conserva anche parte dell'influenza francese che ha assorbito in epoca coloniale: l'odore familiare di pane appena sfornato e caffè si mescola con aromi locali esotici nei mercati del mattino, e molte delle vecchie botteghe delle sue città più grandi ospitano ora (appropriatamente) ristoranti francesi.
 
 
 

Religione del Laos 

Il Laos è un paese prevalentemente buddista e segue la scuola buddista Theravadan, in comune con le vicine Thailandia, Birmania e Cambogia. Circa il trenta percento della popolazione, in particolare quelli degli altopiani, seguono le convinzioni animiste.
 
Circa il 60% della popolazione, prevalentemente i Lao Loum e alcune tribù thai, pratica il buddismo theravada. Il buddismo fu introdotto a Luang Prabang alla fine del XIII°sec. Fu dichiarata religione di stato dal primo regnante dei Lan Xang, Fa Ngum, che portò con sé la statua dorata del Buddha Pra Bang, e nel XVII° sec. l’insegnamento del buddismo fu introdotto nelle scuole. È previsto che tutti i laotiani buddhisti di sesso maschile siano monaci per una breve parte della loro vita, di solito nel periodo compreso tra la fine della carriera scolastica e l’inizio del lavoro o il matrimonio.  Tradizionalmente il tempo trascorso nel Tempio è di circa 3 mesi, meglio se durante la quaresima buddista che inizia ad Agosto. In molti però trascorrono molti anni nel Sangha, per approfondire la loro conoscenza religiosa, studiando il linguaggio Pali, in cui sono scritti tutti i testi Theravada. Anche le donne possono fare la loro pratica buddista nel tempio come suore, con le teste rasate e vestiti bianchi.
 
La principale ‘religione’ non buddista è il phii, il culto degli spiriti guardiani, antecedente il buddismo, la cui pratica è però ufficialmente vietata. Le tribù Hmong-Mien praticano invece l’animismo e il culto degli antenati; una piccola minoranza di laotiani, composta principalmente dall’élite che studia nelle scuole francesi, è infine di fede cristiana.
 
 
 

Festività, usi, costumi, tradizioni del Laos

Triangolo D'Oro Laos: colitvazione di riso a terrazza

Il Laos conserva molte delle tradizioni che sono scomparse in una frenesia di sviluppo altrove nella regione sud est asiatica. È difficile credere che la sonnolenta Vientiane sia una capitale asiatica, e c'è una qualità senza tempo nella vita rurale, dove le palafitte e le risaie sembrano uscite da un set cinematografico. 
 
RITO DEL BASI
Il baci (scritto anche basi) è una cerimonia particolare che in Laos viene praticata da centinaia di anni. Generalmente viene indicata come “sou khuan” che significa “allacciare lo spirito” o “chiamare lo spirito”, celebrata nelle occasioni auspicali, come matrimoni, nascite, guarigioni, partenze da chiunque.
Durante questa cerimonia 32 spiriti benigni vengono legati agli ospiti d’onore attraverso una corda bianca annodata alla mano, simbolo di buona salute, prosperità e felicità. Per ottenere il massimo beneficio queste corde devono avere tre nodi.
In Laos si crede che l’essere umano sia composto da 32 organi, ognuno dei quali possiede un proprio spirito o khuan (parola laotiana che indica appunto uno spirito) che lo protegge. Questi spiriti spesso vagano all’esterno del corpo causando squilibri dell’anima, con il pericolo che sorgano malattie. L’allaccio delle strisce bianche riunirebbe i 32 spiriti del corpo, ristabilendo l’armonia e portando allo stesso tempo fortuna e prosperità.
 
Inoltre non devono essere mai tolte prima di tre giorni dalla cerimonia e non devono mai essere tagliate. Al centro di questo rito c’è poi il pha khouan,un tavolo creato con foglie intrecciate di banano e ricoperto da fiori e cibi simbolici. I più comuni sono le uova e il riso, che simbolizzano fertilità e fecondità.
 
Il baci viene tenuto in numerose occasioni durante l’anno. Può essere celebrato ogni giorno della settimana, a patto che sia un giorno fausto secondo il calendario lunare. Questo calendario è ben conosciuto dagli anziani, dai vecchi monaci, oppure da ex-religiosi. La cerimonia può svolgersi sia in caso di ricorrenze tristi che gioiose. Qualcuno potrebbe trovare strano che si tengano cerimonie per occasioni spiacevoli, leggendo di seguito ne capirete il motivo.
Le ricorrenze felici in cui si tiene il baci sono i matrimoni, il benvenuto per degli ospiti, il capodanno laotiano, occasioni legate alla casa e molte altre. Per una neomamma che abbia appena recuperato le forze ed il suo bambino appena nato si tiene un baci, sia per dare il benvenuto al nascituro che per richiamare gli spiriti della madre che potrebbero essere fuggiti via durante il parto.
La cerimonia si tiene anche per rafforzare gli spiriti quando qualcuno è debole (nel fisico o nell’ anima). Dopo la morte di un familiare si celebra un baci per risollevare gli spiriti del resto della famiglia, così da ristabilire l’armonia dopo un periodo triste. Prima dello svolgersi di un baci le donne più anziane della comunità si ritrovano per realizzare un pha khuan, ossia una specie di piramide fatta con la calendula, elemento essenziale in ogni baci. Oggi questa, specie nelle città, può essere comprata nei mercati.
 
 
 

Il turismo in Laos

Con la sua giungla scura e cupa, i campi di riso verde smeraldo e le scintillanti foglie di tè che ricoprono le montagne, il paesaggio del Laos cambia tonalità di verde come un camaleonte. Ma non sono solo i paesaggi lussureggianti che sono verdi: parlando infatti di ecoturismo, il Laos sta aprendo la strada nel sud-est asiatico. Le aree protette predominano in aree remote del paese e il trekking basato sulla scoperta e l interazione con le comunità combina queste spettacolari attrazioni naturali con la possibilità di sperimentare il "vero Laos" con una famiglia in un villaggio. Il principale gateway internazionale per il Laos è Luang Prabang.
 
 
 

Le stagioni e il clima del Laos

Paesaggi sul Mekong Luang Prabang Laos
 
“Da novembre a gennaio è il momento migliore per visitare la pianura Laos, quando le temperature diurne sono piacevolmente calde, le serate sono leggermente fredde e la campagna è verde e rigogliosa dopo le piogge. Tuttavia, a quote più elevate le temperature sono significativamente più fredde, a volte prossime allo 0.”
 
 A febbraio, le temperature iniziano a salire, raggiungendo un picco ad aprile, quando le pianure sono calde e umide. Durante questo periodo, gli altopiani sono, per la maggior parte, ugualmente caldi se un po 'meno afosi delle pianure, sebbene ci siano luoghi, come Paksong sull'altopiano di Bolaven, che hanno un clima temperato tutto l'anno.  La stagione delle piogge (generalmente da maggio a settembre) influisce sulle condizioni della rete di strade non asfaltate del Laos, alcune delle quali diventano impraticabili dopo l'inizio delle piogge. D'altra parte, i fiumi che possono essere troppo bassi per navigare durante la stagione secca diventano importanti rotte di trasporto dopo che le piogge hanno causato l'innalzamento del livello dell'acqua. Si noti che il clima in alcune aree settentrionali - in particolare Phongsali e Hua Phan (Sam Neua) - può essere sorprendentemente temperato, anche nella stagione calda, quindi è possibile avere un giorno molto caldo, seguito da una giornata fredda e umida che è sufficiente per convincerti che non sei più nel sud-est asiatico. 


 

Moneta e Cambio Valuta 

La moneta é il Kip laotiano (LAK). Si fa presente che in Laos gli unici sportelli ATM affidabili internazionali sono BFL Bank e BCEL Bank. Le principali carte di credito sono accettate nei grandi alberghi e nelle più importanti strutture turistiche. Le transazioni sono condotte principalmente in dollari americani, Thai  Baht o Lao Kip.


 

Come ottenere il visto per il Laos

Il Visto d ingresso è necessario anche per turismo. Per brevi permanenze, può essere ottenuto anche in frontiera aeroportuale (Vientiane, Luang Prabang, Pakse e Savannaketh) e, per via terrestre, presso il Thai-Lao Friendship Bridge e gli altri varchi di frontiera internazionali. Il visto ha un costo di circa 35 dollari americani ed è necessaria una foto formato tessera; la validità è di 30 giorni e può essere rinnovato dal Dipartimento dell’Immigrazione locale. 


 

Fuso orario

+6 ore rispetto all'Italia, +5ore quando in Italia vige l'ora legale.

 
 

Tour Classico del Laos

Lavoro nei campi Pakse Laos
 
“Se non hai il lusso di un tempo di viaggio illimitato da dedicare alla scoperta del paese percorrendo con calma le lunghe distanze in strade tutt'altro che grandi (questo è uno dei paesi meno sviluppati del sud-est asiatico), il trasporto fluviale e aereo sono i metodi da preferire per viaggiare in Laos!”
 
Situata su un'ampia curva del Mekong, Vientiane è forse la capitale più modesta del sud-est asiatico. Tuttavia, sebbene priva del brusio di Ho Chi Minh City o Bangkok, la capitale del Laos è stata trasformata dagli anni '90, con una serie di ristoranti e caffè cosmopoliti per completare le sue affascinanti file di negozi tradizionai. Derubata dei suoi templi più splendidi nelle battaglie con il Siam molto tempo fa, Vientiane è più un luogo per adattarsi al ritmo della vita laotiana e indulgere in saune alle erbe e bevande al tramonto sulle rive del Mekong. Pochi turisti che attraversano la capitale perdono l'occasione per un viaggio di mezza giornata a Xieng Khuan, il suo prato lungo il fiume è pieno di gigantesche statue religiose, uno dei luoghi più affascinanti e bizzarri del Laos.
Da Vientiane, ha senso dirigersi a nord verso Vang Vieng , una città immersa in un paesaggio di risaie verdi scintillanti e colline carsiche dai denti a sega. Luogo ideale per speleologia, kayak, arrampicata su roccia e lunghe passeggiate in campagna, la città è conosciuta soprattutto per essere senza dubbio la capitale del paese per i giovani backpackers. Da qui la vecchia strada montuosa della Royal Road verso  Luang Prabang attraverso alcuni dei paesaggi più spettacolari del Laos
Nonostante i danni del tempo, i templi dorati e le botteghe franco-indocinesi stagionate della minuscola e colta Luang Prabang possiedono una maestosità affascinante che rende questa destinazione la più seducente del Laos. Sebbene sempre più turistiche, le stradine polverose, i panorami del Mekong e le mattine tranquille conferiscono ancora fascino alla città. La maggior parte dei visitatori combina un soggiorno qui con un paio di tour alle sacre grotte di Pak Ou , due grotte lungo il fiume piene di migliaia di immagini di Buddha e alla bellissima cascata di Kouang Si , il luogo perfetto per un tuffo rinfrescante in una giornata calda.
A poche ore a nord del fiume smeraldo Nam Ou da Luang Prabang si trova la tranquilla città di Nong Khiaw , pittoresca circondata da imponenti cime calcaree e un'ottima base per trekking e kayak nella regione. Appena un po 'più in alto sul fiume e accessibile solo in barca, Muang Ngoi è un luogo popolare per i viaggiatori, dove è difficile trascinarsi lontano dalla tentazione di passare le giornate a godersi il panorama da un'amaca.
Strade migliorate significano che ora è molto più facile esplorare l' estremo nord, una regione spesso spettacolare che ospita un mosaico di gruppi tribali montani. Luang Namtha e il tranquillo villaggio di Muang Sing sono entrambi centri per escursioni nei vicini villaggi delle tribù delle colline, mentre il primo offre anche opportunità di kayak. A valle da qui si trova Houayxai , al confine con la Thailandia, da dove è possibile prendere una lenta barca lungo il Mekong per il pittoresco viaggio a sud verso Luang Prabang.
Perduta nelle nebbiose montagne dell'estremo nord-est, la provincia di Hua Phan fu il centro nevralgico del Laos comunista durante la Seconda Guerra Indocina e rimane ben rimossa dai centri della vita del Laos nelle pianure del Mekong. Il capoluogo di provincia, Sam Neua , ha un'atmosfera decisamente vietnamita (non sorprende se si considera la sua vicinanza al confine), e sebbene abbia un'infrastruttura turistica piuttosto limitata, c'è un certo fascino nel luogo una volta scavato un po 'più a fondo. Il motivo principale per un soggiorno qui è visitare Vieng Xai , dove il comunista Pathet Lao diresse la loro resistenza all'interno di un vasto complesso di caverne, e dove l'ultimo re Lao fu esiliato fino alla sua prematura scomparsa. 
A sud, la coda del Laos è stretta tra le formidabili montagne dell'Annamite a est e il fiume Mekong che si snoda verso la Cambogia. Thakhek è una buona base da cui visitare le Grotte di Mahaxai e Khammouane NBCA , il cui punto forte è Tham Lot Kong Lo , un fiume sotterraneo che può essere navigato in canoa.  Savannakhet è la città più famosa del sud, culturalmente vietnamita, un piacevole rifugio urbano con un fascino architettonico secondo solo a Luang Prabang. L' altopiano Bolaven fresco e fertile, dove viene coltivata la maggior parte del caffè del Laos, perfetto per fare una sosta rinfrescante durante la stagione calda, non da ultimo per provare una tazza della famosa birra. A sud-ovest si trova il piccolo Champasak , con le sue strade di terra rossa e le ville principesche. Le rovine di Wat Phou , il più grande dei templi Khmer fuori dalla Cambogia, si trovano su una collina boscosa nelle vicinanze.
Raggiungendo la coda del Laos, le innumerevoli isole fluviali di Si Phan Don giacciono sparse per il Mekong, che si presenta con una distanza di circa 14 km da una sponda all'altra, fino al confine cambogiano. Una delle zone umide più significative del paese, Si Phan Don è il luogo perfetto per trascorrere giorni tranquilli e ospita decine di comunità di pescatori e tradizioni secolari del Lao delle pianure.
 
 
 
Hai bisogno di aiuto per organizzare il tuo viaggio in Laos o verso altri Paesi del Sud Esta Asia?
Inviaci una mail raccontandoci le tue esigenze di viaggio o compila il form presente su ogni pagina del nostro sito.
Un consulente HappyViaggi ti ricontatterà entro 24 ore per aiutarti ad organizzare la tua vacanza.  
  • Natura
  • Templi e Monumenti
  • Cultura e Tradizioni
  • Food & Street Food
  • Avventura